Cose sulla pasta

Quando la povertà inventava la ricetta

Sapete che ricette antiche, amate da tutti per la loro genuinità e il loro sapore, sono nate dalle limitate possibilità economiche, dall’esigenza di riciclare, dalla scarsezza degli ingredienti a disposizione?
Gli spaghetti alla carrettiera, ad esempio, erano di una semplicità unica: pasta, pane secco, olio, aglio e sale, più qualche erbetta raccolta per strada o, in tempi più recenti, del peperoncino. Il piatto risale a fine ‘800 e si chiamava così perché era consumato dai carrettieri siciliani, che trasportavano viaggiatori o merci in cambio di pochi spiccioli e che usavano anche conservarlo e mangiarlo freddo lungo il viaggio. In seguito fu adottato dalle putìe dell’isola e divenne famoso un po’ dovunque!

Gli spaghetti con mollica fritta e uva passa
, in Sicilia pasta c’anciova oppure anche pasta a’ milanisa, furono invece inventati decenni fa dai siciliani emigrati al nord, che, al posto delle sarde fresche, condivano questi spaghetti con le acciughe sotto sale.

VAI A TUTTE LE COSE SULLA PASTA
2018-09-21T11:56:59+00:00